Le favole di Lang


indice Libro arancione     |     home page

The Fox and the Wolf


At the foot of some high mountains there was, once upon a time, a small village, and a little way off two roads met, one of them going to the east and the other to the west. The villagers were quiet, hard-working folk, who toiled in the fields all day, and in the evening set out for home when the bell began to ring in the little church. In the summer mornings they led out their flocks to pasture, and were happy and contented from sunrise to sunset.

One summer night, when a round full moon shone down upon the white road, a great wolf came trotting round the corner.

'I positively must get a good meal before I go back to my den,' he said to himself; 'it is nearly a week since I have tasted anything but scraps, though perhaps no one would think it to look at my figure! Of course there are plenty of rabbits and hares in the mountains; but indeed one needs to be a greyhound to catch them, and I am not so young as I was! If I could only dine off that fox I saw a fortnight ago, curled up into a delicious hairy ball, I should ask nothing better; I would have eaten her then, but unluckily her husband was lying beside her, and one knows that foxes, great and small, run like the wind. Really it seems as if there was not a living creature left for me to prey upon but a wolf, and, as the proverb says: "One wolf does not bite another." However, let us see what this village can produce. I am as hungry as a schoolmaster.'

Now, while these thoughts were running through the mind of the wolf, the very fox he had been thinking of was galloping along the other road.

'The whole of this day I have listened to those village hens clucking till I could bear it no longer,' murmured she as she bounded along, hardly seeming to touch the ground. 'When you are fond of fowls and eggs it is the sweetest of all music. As sure as there is a sun in heaven I will have some of them this night, for I have grown so thin that my very bones rattle, and my poor babies are crying for food.' And as she spoke she reached a little plot of grass, where the two roads joined, and flung herself under a tree to take a little rest, and to settle her plans. At this moment the wolf came up.

At the sight of the fox lying within his grasp his mouth began to water, but his joy was somewhat checked when he noticed how thin she was. The fox's quick ears heard the sound of his paws, though they were soft as velvet, and turning her head she said politely:

'Is that you, neighbour? What a strange place to meet in! I hope you are quite well?'

'Quite well as regards my health,' answered the wolf, whose eye glistened greedily, 'at least, as well as one can be when one is very hungry. But what is the matter with you? A fortnight ago you were as plump as heart could wish!'

'I have been ill - very ill,' replied the fox, 'and what you say is quite true. A worm is fat in comparison with me.'

'He is. Still, you are good enough for me; for "to the hungry no bread is hard."'

'Oh, you are always joking! I'm sure you are not half as hungry as I!'

'That we shall soon see,' cried the wolf, opening his huge mouth and crouching for a spring.

'What are you doing?' exclaimed the fox, stepping backwards.

'What am I doing? What I am going to do is to make my supper off you, in less time than a cock takes to crow.'

'Well, I suppose you must have your joke,' answered the fox lightly, but never removing her eye from the wolf, who replied with a snarl which showed all his teeth:

'I don't want to joke, but to eat!'

'But surely a person of your talents must perceive that you might eat me to the very last morsel and never know that you had swallowed anything at all!'

'In this world the cleverest people are always the hungriest,' replied the wolf.

'Ah! how true that is; but—'

'I can't stop to listen to your "buts" and "yets,"' broke in the wolf rudely; 'let us get to the point, and the point is that I want to eat you and not talk to you.'

'Have you no pity for a poor mother?' asked the fox, putting her tail to her eyes, but peeping slily out of them all the same.

'I am dying of hunger,' answered the wolf, doggedly; 'and you know,' he added with a grin, 'that charity begins at home.'

'Quite so,' replied the fox; 'it would be unreasonable of me to object to your satisfying your appetite at my expense. But if the fox resigns herself to the sacrifice, the mother offers you one last request.'

'Then be quick and don't waste my time, for I can't wait much longer. What is it you want?'

'You must know,' said the fox, 'that in this village there is a rich man who makes in the summer enough cheeses to last him for the whole year, and keeps them in an old well, now dry, in his courtyard. By the well hang two buckets on a pole that were used, in former days, to draw up water. For many nights I have crept down to the palace, and have lowered myself in the bucket, bringing home with me enough cheese to feed the children. All I beg of you is to come with me, and, instead of hunting chickens and such things, I will make a good meal off cheese before I die.'

'But the cheeses may be all finished by now?'

'If you were only to see the quantities of them!' laughed the fox. 'And even if they were finished, there would always be ME to eat.'

'Well, I will come. Lead the way, but I warn you that if you try to escape or play any tricks you are reckoning without your host - that is to say, without my legs, which are as long as yours!'

All was silent in the village, and not a light was to be seen but that of the moon, which shone bright and clear in the sky. The wolf and the fox crept softly along, when suddenly they stopped and looked at each other; a savoury smell of frying bacon reached their noses, and reached the noses of the sleeping dogs, who began to bark greedily.

'Is it safe to go on, think you?' asked the wolf in a whisper. And the fox shook her head.

'Not while the dogs are barking,' said she; 'someone might come out to see if anything was the matter.' And she signed to the wolf to curl himself up in the shadow beside her.

In about half an hour the dogs grew tired of barking, or perhaps the bacon was eaten up and there was no smell to excite them. Then the wolf and the fox jumped up, and hastened to the foot of the wall.

'I am lighter than he is,' thought the fox to herself, 'and perhaps if I make haste I can get a start, and jump over the wall on the other side before he manages to spring over this one.' And she quickened her pace. But if the wolf could not run he could jump, and with one bound he was beside his companion.

'What were you going to do, comrade?'

'Oh, nothing,' replied the fox, much vexed at the failure of her plan.

'I think if I were to take a bit out of your haunch you would jump better,' said the wolf, giving a snap at her as he spoke. The fox drew back uneasily.

'Be careful, or I shall scream,' she snarled. And the wolf, understanding all that might happen if the fox carried out her threat, gave a signal to his companion to leap on the wall, where he immediately followed her.

Once on the top they crouched down and looked about them. Not a creature was to be seen in the courtyard, and in the furthest corner from the house stood the well, with its two buckets suspended from a pole, just as the fox had described it. The two thieves dragged themselves noiselessly along the wall till they were opposite the well, and by stretching out her neck as far as it would go the fox was able to make out that there was only very little water in the bottom, but just enough to reflect the moon, big, and round and yellow. '

How lucky!' cried she to the wolf. 'There is a huge cheese about the size of a mill wheel. Look! look! did you ever see anything so beautiful!'

'Never!' answered the wolf, peering over in his turn, his eyes glistening greedily, for he imagined that the moon's reflection in the water was really a cheese.

'And now, unbeliever, what have you to say?' and the fox laughed gently. 'That you are a woman- I mean a fox- of your word,' replied the wolf. 'Well, then, go down in that bucket and eat your fill,' said the fox.

'Oh, is that your game?' asked the wolf, with a grin. 'No! no! The person who goes down in the bucket will be you! And if you don't go down your head will go without you!'

'Of course I will go down, with the greatest pleasure,' answered the fox, who had expected the wolf's reply.

'And be sure you don't eat all the cheese, or it will be the worse for you,' continued the wolf. But the fox looked up at him with tears in her eyes.

'Farewell, suspicious one!' she said sadly. And climbed into the bucket.

In an instant she had reached the bottom of the well, and found that the water was not deep enough to cover her legs.

'Why, it is larger and richer than I thought,' cried she, turning towards the wolf, who was leaning over the wall of the well.

'Then be quick and bring it up,' commanded the wolf.

'How can I, when it weighs more than I do?' asked the fox.

'If it is so heavy bring it in two bits, of course,' said he.

'But I have no knife,' answered the fox. 'You will have to come down yourself, and we will carry it up between us.'

'And how am I to come down?' inquired the wolf.

'Oh, you are really very stupid! Get into the other bucket that is nearly over your head.'

The wolf looked up, and saw the bucket hanging there, and with some difficulty he climbed into it. As he weighed at least four times as much as the fox the bucket went down with a jerk, and the other bucket, in which the fox was seated, came to the surface.

As soon as he understood what was happening, the wolf began to speak like an angry wolf, but was a little comforted when he remembered that the cheese still remained to him.

'But where is the cheese?' he asked of the fox, who in her turn was leaning over the parapet watching his proceedings with a smile.

'The cheese?' answered the fox; 'why I am taking it home to my babies, who are too young to get food for themselves.'

'Ah, traitor!' cried the wolf, howling with rage. But the fox was not there to hear this insult, for she had gone off to a neighbouring fowl-house, where she had noticed some fat young chickens the day before.

'Perhaps I did treat him rather badly,' she said to herself. 'But it seems getting cloudy, and if there should be heavy rain the other bucket will fill and sink to the bottom, and his will go up - at least it may!'

Spanish. Cuentos Populares. por Antonio de Trueba.

La volpe e il lupo


C’era una volta, ai piedi di certe alte montagne, un piccolo villaggio e non molto lontano si incontravano due strade, una delle quali andava verso est e l’altra verso ovest. I paesani erano tranquilli, gran lavoratori che sgobbavano tutti il giorno nei campi e la sera sedevano fuori di casa quando cominciava a suonare la campana nella chiesetta. Le mattine d’estate portavano al pascolo le greggi ed erano felici e contenti dall’alba al tramonto.

Una notte d’estate, quando una luna piena splendeva sulla strada bianca, dietro l’angolo arrivò trotterellando un grosso lupo.

”Devo assolutamente procurarmi un buon pasto prima di tornare nella tana,” disse a se stesso; “è passata quasi una settimana senza che abbia assaggiato nient’altro che rimasugli, anche se può darsi che nessuno lo penserebbe, guardandomi! Naturalmente ci sono conigli e lepri in gran quantità sulle montagne; ma veramente bisognerebbe essere un levriero per catturarli e non sono più giovane come una volta! Se potessi pranzare a base di volpe come quella che ho visto due settimane fa, raggomitolata in una deliziosa palla di pelo, non potrei chiedere di meglio; avrei voluto mangiarla allora, ma sfortunatamente c’era suo marito accanto a lei e tutti sanno che le volpi, grandi e piccole, corrono come il vento. Veramente sembrava che non ci fosse altra preda per me che un lupo e, si sa, il proverbio dice: “Un lupo non ne morde un altro.” In ogni modo, vediamo che cosa può offrirmi questo villaggio. Ho una fame da uomo.”

Mentre questi pensieri balenavano per la mente del lupo, lungo l’altra strada stava correndo proprio la volpe alla quale aveva pensato.

”Per tutto il giorno ho sentito in quel villaggio galline che facevano coccodè fino a non poterne più,” mormorò mentre si slanciava avanti, che quasi sembrava sfiorasse a malapena il terreno. “Quando stravedi per polli e uova è la più dolce delle musiche. Come è certo che c’è il sole in cielo, acchiapperò alcune di loro stanotte perché sono così dimagrita che le mie ossa sbatacchiano, e i miei poveri cuccioli stanno reclamando cibo.” E mentre lo diceva, raggiunse un piccolo tratto di erba, dove le due strade si riunivano, e si gettò sotto un arbusto a riposare un po’ e a definire i suoi progetti. In quel momento arrivò il lupo.

Alla vista della volpe a portata di mano, gli venne l’acquolina in bocca, ma la sua contentezza diminuì quando vide quanto fosse piccola. Le vigili orecchie della volpe colsero il rumore delle sue zampe, per quanto fossero soffici come il velluto, e volgendo il capo disse garbatamente:

”Sei tu, vicino? Che strano posto per incontrarsi! Spero tu stia abbastanza bene.”

”Abbastanza bene considerando la mia salute.” rispose il lupo, i cui occhi scintillavano con ingordigia, “per lo meno come uno che è assai affamato. Ma tu che cos’hai? Due settimane fa eri così grassottella da far gola!”

”Sono stata malata… molto malata,” replicò la volpe, “e ciò che dici è proprio la verità. Un verme è grasso in confronto a me.”

”È così. Tuttavia sei abbastanza per me; perché ‘per l’affamato nessun pane è troppo duro.’”

”Hai sempre voglia di scherzare! Sono certa che non sei affamato quanto me!”

”Lo vedremo presto,” gridò il lupo, spalancando l’enorme bocca e accucciandosi per balzare.

”Che stai facendo?” esclamò la volpe, arretrando di un passo.

”Che cosa sto facendo? Ciò che sto per fare è trasformarti nella mia cena, in meno tempo di quanto ne occorra a un gallo per cantare.”

”Beh, ritengo che tu abbia voluto scherzare,” rispose la volpe allegramente, ma senza staccare gli occhi dal lupo, il quale rispose con un ringhio che rivelò tutti i denti:

”Non voglio scherzare, ma mangiare!”

”Certamente una creatura del tuo ingegno deve intuire che se mi mangiasse in un sol boccone sarebbe come se non avesse mangiato proprio nulla!”

”A questo mondo le creature più intelligenti sono sempre le più affamate,” rispose il lupo.

”Ah, è proprio vero, ma…“

”Non posso smettere di ascoltare i tuoi ‘ma’ e i tuoi ‘anche,’” sbottò il lupo rudemente; “arriviamo al punto, e il punto è che voglio mangiarti e non parlare con te.”

”Non hai pietà di una povera madre?” chiese la volpe, coprendosi gli occhi con la coda, ma sbirciando tuttavia astutamente.

”Sto morendo di fame,” rispose il lupo, ostinatamente; “e tu sai,” aggiunse con un ghigno, “ che la carità comincia dai propri cari.”

”Proprio così,” rispose la volpe; “sarebbe insensato da parte mia oppormi alla soddisfazione del tuo appetito a spese mie. Ma se la volpe si rassegna al sacrificio, la madre ti presenta un’ultima richiesta.”

”Allora sbrigati e non sprecare il mio tempo perché non posso aspettare più a lungo..Che cosa vuoi?”

La volpe disse: “Devi sapere che in un questo villaggio c’è un uomo ricco che d’estate produce così tanto formaggio da bastargli per tutto l’anno, e lo conserva in una vecchia cisterna, ora asciutta, nel suo cortile. Dal muro pendono due secchi su un paletto e erano usati, in passato, per attingere l’acqua. Per molte notti sono scivolata furtivamente fino alla casa e mi sono calata nel secchio, portando a casa abbastanza formaggio per sfamare i piccoli. Tutto ciò che ti chiedo è di venire con me e, invece di cacciare polli o roba simile, farò un buon pasto a base di formaggio prima di morire.”

”Ma a quest’ora il formaggio non sarà finito?”

”Se tu vedessi quanto ce n’é!” rise la volpe. “E pure se fosse finito, avresti sempre ME da mangiare.”

”D’accordo, andrò. Fammi strada, ma ti avverto che se tenterai di scappare o di giocarmi un brutto tiro hai fatto i conti senza l’oste – che è come dire, senza le mie zampe, che sono più lunghe delle tue!”

Il villaggio era silenzioso e non c’era altra luce che quella della luna, che splendeva luminosa e limpida in cielo. Il lupo e la volpe procedevano furtivamente quando all’improvviso si fermarono e si guardarono l’un l’altra; un appetitoso odore di pancetta fritta era giunto ai loro nasi, e anche a quelli dei cani addormentati, che iniziarono ad abbaiare con avidità.

”È prudente andare avanti, che ne dici?” chiese il lupo in un sussurro. La volpe scrollò la testa.

”Non mentre i cani stanno abbaiando,” disse, “ qualcuno potrebbe uscire a vedere per quale motivo.” E fece segno al lupo di rannicchiarsi nell’ombra accanto a lei.

Nel giro di mezz’ora i cani si erano stancati di abbaiare, forse perché la pancetta era stata mangiata e non c’era più nessun odore a stuzzicarli. Allora il lupo e la volpe balzarono fuori e si precipitarono ai piedi del muro.

La volpe disse a se stessa: “Sono più leggera di lui e forse se mi sbrigo, posso prendere lo slancio e saltare oltre il muro dall’altra parte prima che riesca a balzare.“ E accelerò l’andatura. Ma se il lupo non poteva correre, poteva saltare e con un balzo fu accanto alla compagna.

”Socia, che stai cercando di fare?”

”Oh, nulla,” replicò la volpe, piuttosto seccata per il fallimento del piano.

”Penso che se potessi dare un morso alla tua coscia, salterei meglio.” disse il lupo, azzannandola come aveva detto. La volpe indietreggiò impaurita.

”Bada a te, o mi metterò a gridare,” ringhiò. Il lupo, intuendo che cosa sarebbe accaduto se la volpe avesse messo in pratica la minaccia, fece segno alla socia di saltare sul muro, sul quale la seguì immediatamente.

Una volta sulla sommità, si accovacciarono e si guardarono intorno. Nel cortile non si vedeva un’anima, e nell’angolo più lontano dalla casa c’era la cisterna, con i due secchi appesi a un paletto, proprio come aveva detto la volpe. I due ladri strisciarono silenziosamente lungo il muro finché furono di fronte alla cisterna, e tirando il collo più che poté, la volpe fu in grado di rendersi conto che c’era solo un po’ d’acqua sul fondo, appena sufficiente per riflettere la luna, grossa, tonda e gialla.

La volpe gridò al lupo: “Che fortuna! C’è una forma di formaggio grande quanto una ruota di mulino. Guarda! Non si è mai visto niente di così bello!”

”Mai!” rispose il lupo, sbirciando a sua volta, gli occhi che scintillavano di avidità, perché credeva che il riflesso della luna nell’acqua fosse davvero una forma di formaggio.

”E adesso, miscredente, che cos’hai da dire?” la volpe rise a bassa voce.

”Che sei una donna – volevo dire una volpe – di parola.” rispose il lupo.

”Beh, allora scendi nel secchio e mangia a sazietà.” disse la volpe.

Il lupo rispose con un ghigno: “È questo il tuo piano? No! No! Sarai tu quella che scenderà nel secchio! E se non scenderai, lo farà la tua testa senza di te!”

”Naturalmente scenderò, e con grande piacere.” rispose la volpe, che si aspettava la replica del lupo.

”E bada bene di non mangiare tutto il formaggio, o sarà peggio per te.” proseguì il lupo. La volpe lo guardò con le lacrime agli occhi.

”Addio, essere sospettoso!” gli disse con tristezza. E entrò nel secchio.

In un attimo raggiunse il fondo della cisterna, e scoprì che l’acqua non era profonda abbastanza da coprire le sue zampe.

”Che diamine, è più grande e più abbondante di quanto pensassi,” gridò, girandosi verso il lupo che stava chino sul muro della cisterna.

”Allora sbrigati e portalo su.” ordinò il lupo.

”E come posso farlo, visto che pesa più di quanto io possa portare?” chiese la volpe.

”Se è così pesante, portane due pezzi, naturalmente.” disse lui.

”Ma non ho un coltello,” rispose la volpe. “Dovrai scendere tu stesso e lo porteremo su insieme.”

“E come posso venire giù?”

”Oh, sei proprio tanto stupido! Entra nel l’altro secchio che è vicino alla tua testa.”

Il lupo guardò su e vide il secchio che pendeva lì, e con molta difficoltà vi entrò. Siccome pesava quattro volte più della volpe, il secchio andò giù con un sobbalzo e l’altro secchio, quello in cui c’era la volpe, tornò in superficie.

Appena comprese che cosa fosse accaduto, il lupo cominciò a parlare rabbiosamente, ma si consolò un poco quando si rammentò che il formaggio tuttavia sarebbe rimasto a lui.

”Ma dov’è il formaggio?” chiese alla volpe, che a sua volta si sporgeva dal parapetto guardando con un sorriso i suoi sforzi.

”Il formaggio?” chiese la volpe; “guarda che lo sto portando a casa dai miei cuccioli, che sono troppo giovani per procurarsi il cibo da soli.”

”Ah, traditrice!” strillò il lupo, gridando di rabbia. Ma la volpe non era lì ad ascoltare l’insulto, perché era andata nel pollaio vicino, nel quale il giorno prima aveva notato alcuni giovani polli grassottelli.

”Può darsi che l’abbia trattato piuttosto male,” si disse, “ma sembra che si sia annuvolato e se dovesse venire giù un acquazzone, l’altro secchio si riempirà e scenderà sul fondo, e il suo desiderio di uscire – alla fine si potrà realizzare!”

Favola spagnola dai Cuentos populares di Antonio de Trueba.

(traduzione dall'inglese di Annarita Verzola)

indice Libro arancione     |     home page