Le favole di Lang

LIBRO GIALLO

indice Libro giallo     |     home page

A Story about a Darning-Needle

(MP3-6'48'')


There was once a Darning-needle who thought herself so fine that she believed she was an embroidery-needle.  'Take great care to hold me tight!' said the Darning-needle to the Fingers who were holding her.  'Don't let me fall!  If I once fall on the ground I shall never be found again, I am so fine!'

'It is all right!' said the Fingers, seizing her round the waist.

'Look, I am coming with my train!' said the Darning-needle as she drew a long thread after her; but there was no knot at the end of the thread.

The Fingers were using the needle on the cook's shoe.  The upper leather was unstitched and had to be sewn together.

'This is common work!' said the Darning-needle.  'I shall never get through it.  I am breaking!  I am breaking!'  And in fact she did break.  'Didn't I tell you so!' said the Darning-needle.  'I am too fine!'

'Now she is good for nothing!' said the Fingers; but they had to hold her tight while the cook dropped some sealing-wax on the needle and stuck it in the front of her dress.

'Now I am a breast-pin!' said the Darning-needle.  'I always knew I should be promoted.  When one is something, one will become something!'  And she laughed to herself; you can never see when a Darning-needle is laughing.  Then she sat up as proudly as if she were in a State coach, and looked all round her.

'May I be allowed to ask if you are gold?' she said to her neighbour, the Pin.  'You have a very nice appearance, and a peculiar head; but it is too small!  You must take pains to make it grow, for it is not everyone who has a head of sealing-wax.'   And so saying the Darning-needle raised herself up so proudly that she fell out of the dress, right into the sink which the cook was rinsing out.

'Now I am off on my travels!' said the Darning-needle.  'I do hope I sha'n't get lost!' She did indeed get lost.

'I am too fine for this world!' said she as she lay in the gutter; 'but I know who I am, and that is always a little satisfaction!'

And the Darning-needle kept her proud bearing and did not lose her good-temper.

All kinds of things swam over her—shavings, bits of straw, and scraps of old newspapers.

'Just look how they sail along!' said the Darning-needle.  'They don't know what is underneath them!  Here I am sticking fast!  There goes a shaving thinking of nothing in the world but of itself, a mere chip!  There goes a straw—well, how it does twist and twirl, to be sure!  Don't think so much about yourself, or you will be knocked against a stone.  There floats a bit of newspaper.  What is written on it is long ago forgotten, and yet how proud it is!  I am sitting patient and quiet.  I know who I am, and that is enough for me!'

One day something thick lay near her which glittered so brightly that the Darning-needle thought it must be a diamond.  But it was a bit of bottle-glass, and because it sparkled the Darning-needle spoke to it, and gave herself out as a breast-pin.

'No doubt you are a diamond?'

'Yes, something of that kind!' And each believed that the other was something very costly; and they both said how very proud the world must be of them.

'I have come from a lady's work-box,' said Darning-needle, 'and this lady was a cook; she had five fingers on each hand; anything so proud as these fingers I have never seen!  And yet they were only there to take me out of the work-box and to put me back again!'

'Were they of noble birth, then?' asked the bit of bottle-glass.

'Of noble birth!' said the Darning-needle; 'no indeed, but proud!  They were five brothers, all called ''Fingers.'' They held themselves proudly one against the other, although they were of different sizes.  The outside one, the Thumb, was short and fat; he was outside the rank, and had only one bend in his back, and could only make one bow; but he said that if he were cut off from a man that he was no longer any use as a soldier.  Dip-into-everything, the second finger, dipped into sweet things as well as sour things, pointed to the sun and the moon, and guided the pen when they wrote.  Longman, the third, looked at the others over his shoulder.  Goldband, the fourth, had a gold sash round his waist; and little Playman did nothing at all, and was the more proud.  There was too much ostentation, and so I came away.'

'And now we are sitting and shining here!' said the bit of bottle-glass.

At that moment more water came into the gutter; it streamed over the edges and washed the bit of bottle-glass away.

'Ah!  now he has been promoted!' said the Darning-needle.  'I remain here; I am too fine.  But that is my pride, which is a sign of respectability!' And she sat there very proudly, thinking lofty thoughts.

'I really believe I must have been born a sunbeam, I am so fine!  It seems to me as if the sunbeams were always looking under the water for me.  Ah, I am so fine that my own mother cannot find me!  If I had my old eye which broke off, I believe I could weep; but I can't—it is not fine to weep!'

One day two street-urchins were playing and wading in the gutter, picking up old nails, pennies, and such things.  It was rather dirty work, but it was a great delight to them.

'Oh, oh!' cried out one, as he pricked himself with the Darning-needle; 'he is a fine fellow though!'

'I am not a fellow; I am a young lady!' said the Darning-needle; but no one heard.  The sealing-wax had gone, and she had become quite black; but black makes one look very slim, and so she thought she was even finer than before.

'Here comes an egg-shell sailing along!' said the boys, and they stuck the Darning-needle into the egg-shell.

'The walls white and I black—what a pretty contrast it makes!' said the Darning-needle.  'Now I can be seen to advantage!  If only I am not sea-sick!  I should give myself up for lost!'

But she was not sea-sick, and did not give herself up.

'It is a good thing to be steeled against sea-sickness; here one has indeed an advantage over man!  Now my qualms are over.  The finer one is the more one can beat.'

'Crack!' said the egg-shell as a wagon-wheel went over it.

'Oh!  how it presses!' said the Darning-needle.  'I shall indeed be sea-sick now.  I am breaking!' But she did not break, although the wagon-wheel went over her; she lay there at full length, and there she may lie.



Unknown.

Una storia su un ago da rammendo

 

C'era una volta un ago da rammendo che si riteneva così bello da credere di essere un ago da ricamo. “Bada bene di stringermi forte!”diceva l'ago da rammendo alle dita che lo stavano tenendo. “Non lasciarmi cadere! Se dovessi cadere a terra una volta non sarei mai più ritrovato, sono così bello!”

“Va tutto bene!”dicevano le dita, afferrandolo per la vita.

"Guarda, vengo con il mio seguito!" diceva l'ago da rammendo mentre tirava un lungo filo dietro di sé; ma non c'era nodo alla fine del filo.

Le dita stavano usando l'ago sulla scarpa del cuoco. La pelle sulla parte superiore era scucita e doveva essere cucita insieme.

“Questo è un lavoro ordinario!”diceva l'ago da rammendo. “Non lo trapasserò mai. Mi sto rompendo! Mi sto rompendo!” E infatti si ruppe. Te l'avevo detto!" disse l'ago da rammendo.”Sono troppo bello!'

“Adesso non è buono più a nulla!” dissero le dita; ma dovettero tenerlo stretto mentre il cuoco lasciava sgocciolar un po’ di ceralacca sull'ago e lo infilava sulla parte anteriore del vestito.

“Adesso sono una spilla da cravatta!' disse l'ago da rammendo. “Ho sempre saputo che sarei avanzato di grado. Quando uno è qualcosa, diventerà qualcosa!” E rise tra sé; non potete aver mai visto quando un ago da ricamo ride.  Poi sedette orgogliosamente come se fosse in una carrozza di stato e si guardò attorno.

"Mi è permesso chiedere se sei d'oro?" disse alla sua vicina, la spilla. "Hai un aspetto molto grazioso e una testa particolare; ma è troppo piccola! Devi curarti di farla crescere, perché non tutti hanno una testa di ceralacca." E così dicendo l'ago da rammendo si sollevò così orgogliosamente che cadde dal vestito, proprio nel lavandino che il cuoco stava sciacquando.

“Sono di nuovo in viaggio!”' disse l'ago da rammendo. "Spero di non essermi perso!" In effetti si era perso.

“Sono troppo bello per questo mondo!” disse mentre giaceva nel rigagnolo “ma so chi sono e questa è sempre una piccola soddisfazione!'

E l'ago per rammendo mantenne il suo portamento fiero e non perse il suo buonumore.

Intorno a lui nuotava ogni genere di cose... trucioli, pezzi di paglia e brandelli di vecchi giornali.

"Guarda come navigano!" disse l'ago da rammendo. 'Non sanno che cosa ci sia sotto di loro! Qui mi sto conficcando velocemente! Ecco là un truciolo che non pensa a niente al mondo se non a se stesso, un semplice frammento! Là un filo di paglia... come rotea e rotea, bisogna riconoscerlo! Non pensare troppo a te stesso, altrimenti sbatterai contro una pietra. Lì galleggia un frammento di giornale. Ciò che vi è scritto sopra è stato dimenticato da molto tempo, tuttavia quanto è orgoglioso! Sono seduto paziente e tranquillo. So chi sono, e ciò è abbastanza per me!”

Un giorno giacque vicino a lui qualcosa di grosso che brillava così intensamente che l'ago da rammendo pensò dovesse essere un diamante. Era un frammento di vetro di bottiglia, ma poiché scintillava, l'ago per il rammendo gli parlò e gli si presentò come spilla da cravatta.

"Senza dubbio sei un diamante?"

"Sì, qualcosa del genere!" E ognuno credeva che l'altro fosse qualcosa di molto costoso ed entrambi dissero quanto fossero orgogliosi che il mondo appartenesse loro.

"Vengo dalla scatola da lavoro di una dama," disse l'ago da rammendo, "e questa dama era una cuoca; aveva cinque dita per mano; qualcosa di così orgoglioso come quelle dita io non l’avevo mai visto! Eppure erano lì solo per tirarmi fuori dalla scatola da lavoro e per mettermi di nuovo dentro!”

"Erano forse di nobili origini?" chiese il frammento di vetro di bottiglia.

"Di nobili origini!" disse l'ago da rammendo; 'no davvero, ma orgogliose! Erano cinque fratelli, si chiamavano tutti "Dita". Si reggevano con orgoglio l'uno all'altro, sebbene fossero di dimensioni diverse. Quello esterno, il pollice, era basso e grasso; era fuori dalla fila e aveva una sola curva nella schiena, poteva fare solo un arco; ma diceva che se fosse stato tagliato via da un uomo questi non sarebbe più stato utile come soldato. “Indice”, il secondo dito, immerso in cose sia dolci e che aspre, indicava il sole e la luna e guidava la penna quando scrivevano. “Medio”, il terzo, guardò gli altri da sopra la spalla. “Anulare” il quarto, aveva una fascia d'oro intorno alla vita; e il piccolo “Mignolo” non faceva nulla ed era il più orgoglioso. C'era troppa ostentazione e così sono venuto via."

'E ora siamo seduti a scintillare qui!' disse il frammento di vetro di bottiglia.

In quel momento più acqua entrò nel rigagnolo; scorreva oltre i bordi e spazzò via il pezzo di vetro di bottiglia.

“Ah! ora è stato promosso!” disse l'ago da rammendo. “Io resto qui; Sono troppo bello. Questo è il mio orgoglio, che è un segno di rispettabilità!”  E si sedette molto orgogliosamente, immergendo in pensieri elevati.

'Credo davvero cdi essere nato da un raggio di sole, sono così bello! Mi sembra che i raggi del sole mi guardino sempre sott'acqua. Ah, sono così bello che nemmeno mia madre può trovarmi! Se avessi il mio vecchio occhio che si è spezzato, credo che potrei piangere; ma non posso ... non è bello piangere!”

Un giorno due monelli di strada giocavano e guadavano nel rigagnolo, raccogliendo vecchi chiodi, centesimi e cose del genere. Era un lavoro piuttosto sporco, ma per loro era una grande delizia.

'Oh, oh!' gridò uno, mentre si pungeva con l'ago da rammendo; 'però è un bravo ragazzo!'

“Io non sono un ragazzo; Sono una giovane dama!” disse l'ago da rammendo; ma nessuno lo sentì. La ceralacca era sparita e lei era diventato completamente nero; ma il nero fa sembrare molto magri, e così pensò di essere ancora più bello di prima.

'Ecco che arriva un guscio d'uovo che naviga!' dissero i ragazzi e infilarono l'ago da rammendo nel guscio.

"Le pareti sono bianche e io nero... che bel contrasto fa!" disse l'ago da rammendo. 'Ora sì che posso essere visto con profitto! Se solo io non soffrissi il mal di mare! Dovrei arrendermi e darmi per perso!”

Ma non soffriva il mal di mare e non si arrese.

"È una buona cosa essere temprati contro il mal di mare;in ciò uno ha davvero vantaggio sull'uomo! Ora i miei problemi sono finiti. Il migliore è quello che può vincere.”

'”Crack!”fece il guscio dell'uovo mentre una ruota di un carro gli passava sopra.

“Oh! come preme!” disse l'ago da rammendo. "Soffrirò davvero di mal di mare ora. Mi sto rompendo!” Ma non si ruppe, anche se la ruota del carro gli passò sopra; rimase lì lungo disteso e lì può darsi che stia.



Origine sconosciuta.



(traduzione dall'inglese di Annarita Verzola)

indice Libro giallo     |     home page