Le favole di Lang

Libro giallo (1894)

home page


indice


Dedication
TO
JOAN, TODDLES, AND TINY

Books Yellow, Red, and Green and Blue,
All true, or just as good as true,
And here's the Yellow Book for YOU!

Hard is the path from A to Z,
And puzzling to a curly head,
Yet leads to Books—Green, Blue, and Red.

For every child should understand
That letters from the first were planned
To guide us into Fairy Land

So labour at your Alphabet,
For by that learning shall you get
To lands where Fairies may be met.

And going where this pathway goes,
You too, at last, may find, who knows?
The Garden of the Singing Rose.

PREFACE

The Editor thinks that children will readily forgive him for publishing another Fairy Book. We have had the Blue, the Red, the Green, and here is the Yellow. If children are pleased, and they are so kind as to say that they are pleased, the Editor does not care very much for what other people may say. Now, there is one gentleman who seems to think that it is not quite right to print so many fairy tales, with pictures, and to publish them in red and blue covers. He is named Mr. G. Laurence Gomme, and he is president of a learned body called the Folk Lore Society. Once a year he makes his address to his subjects, of whom the Editor is one, and Mr. Joseph Jacobs (who has published many delightful fairy tales with pretty pictures)  (1) is another. Fancy, then, the dismay of Mr. Jacobs, and of the Editor, when they heard their president say that he did not think it very nice in them to publish fairy books, above all, red, green, and blue fairy books! They said that they did not see any harm in it, and they were ready to 'put themselves on their country,' and be tried by a jury of children. And, indeed, they still see no harm in what they have done; nay, like Father William in the poem, they are ready 'to do it again and again.'

Where is the harm? The truth is that the Folk Lore Society—made up of the most clever, learned, and beautiful men and women of the country—is fond of studying the history and geography of Fairy Land. This is contained in very old tales, such as country people tell, and savages:

    'Little Sioux and little Crow,
    Little frosty Eskimo.'

These people are thought to know most about fairyland and its inhabitants. But, in the Yellow Fairy Book, and the rest, are many tales by persons who are neither savages nor rustics, such as Madame D'Aulnoy and Herr Hans Christian Andersen. The Folk Lore Society, or its president, say that THEIR tales are not so true as the rest, and should not be published with the rest. But WE say that all the stories which are pleasant to read are quite true enough for us; so here they are, with pictures by Mr. Ford, and we do not think that either the pictures or the stories are likely to mislead children.

As to whether there are really any fairies or not, that is a difficult question. Professor Huxley thinks there are none. The Editor never saw any himself, but he knows several people who have seen them—in the Highlands—and heard their music. If ever you are in Nether Lochaber, go to the Fairy Hill, and you may hear the music yourself, as grown-up people have done, but you must go on a fine day. Again, if there are really no fairies, why do people believe in them, all over the world? The ancient Greeks believed, so did the old Egyptians, and the Hindoos, and the Red Indians, and is it likely, if there are no fairies, that so many different peoples would have seen and heard them? The Rev. Mr. Baring-Gould saw several fairies when he was a boy, and was travelling in the land of the Troubadours. For these reasons, the Editor thinks that there are certainly fairies, but they never do anyone any harm; and, in England, they have been frightened away by smoke and schoolmasters. As to Giants, they have died out, but real Dwarfs are common in the forests of Africa. Probably a good many stories not perfectly true have been told about fairies, but such stories have also been told about Napoleon, Claverhouse, Julius Caesar, and Joan of Arc, all of whom certainly existed. A wise child will, therefore, remember that, if he grows up and becomes a member of the Folk Lore Society, ALL the tales in this book were not offered to him as absolutely truthful, but were printed merely for his entertainment. The exact facts he can learn later, or he can leave them alone.

There are Russian, German, French, Icelandic, Red Indian, and other stories here. They were translated by Miss Cheape, Miss Alma, and Miss Thyra Alleyne, Miss Sellar, Mr. Craigie (he did the Icelandic tales), Miss Blackley, Mrs. Dent, and Mrs. Lang, but the Red Indian stories are copied from English versions published by the Smithsonian Bureau of Ethnology, in America. Mr. Ford did the pictures, and it is hoped that children will find the book not less pleasing than those which have already been submitted to their consideration. The Editor cannot say 'good-bye' without advising them, as they pursue their studies, to read The Rose and the Ring, by the late Mr. Thackeray, with pictures by the author. This book he thinks quite indispensable in every child's library, and parents should be urged to purchase it at the first opportunity, as without it no education is complete.

A. LANG.



(1)  You may buy them from Mr. Nutt, in the Strand.




Dedica
A
JOAN, TODDLES, AND TINY

I libri Giallo, Rosso, e Verde e Blu,
tutto vero, o così bello da essere vero,
ed ecco il Libro Giallo per TE!

Duro il sentiero dalla A alla Z,
e inspiegabile a una testa ricciuta,
ancora conduce ai libri Verde, Blu e Rosso.

Perché ogni bambino possa capire
Che fin dall’inizio le lettere furono progettate
Per guidarci nella Terra delle Fate

Così tanto lavoro sul tuo Alfabeto,
perché da questo apprendimento arriverai
alle terre in cui le fate incontrare potrai

E andando dove questo sentiero va,
infine, che cosa potrai trovare, chi lo sa?
Il Giardino delle Rose che Cantano

PREFAZIONE

Il curatore pensa che i bambini lo perdoneranno facilmente per la pubblicazione di un altro Libro di Favole. Abbiamo avuto quello Blu, quello Rosso, quello Verde, ed ecco quello Giallo. Se i bambini sono contenti, e sono così gentili da dire che sono contenti, il curatore non si preoccuperà troppo di ciò che altri possano dire. Dunque, c’è un gentiluomo che sembra pensare non sia precisamente giusto stampare così tanti libri di favole, con disegni, e pubblicarli con copertine rosse e blu. Si chiama G.Laurence Gomme, ed è il presidente di un colto gruppo chiamato Folk Lore Society. Una volta l’anno egli tiene un discorso ai suoi membri, due dei quali sono il curatore e il signor Joseph Jacobs (che ha pubblicato molte favole deliziose con graziose illustrazioni) (1). Immaginate, allora, la costernazione del signor Jacobs, e del curatore, quando hanno sentito il loro presidente dire che non pensava fosse molto carino pubblicare libri di favole, soprattutto libri di favole rossi, verdi e blu! Loro dicevano che non vi vedevano nulla di male, ed erano pronti a ‘rimettersi al giudizio della corte? E a farsi processare da una giuria di bambini. E, certamente, loro non vedranno alcun male in ciò che hanno fatto; pittosto, come Padre William nella poesia, sono pronti ‘a farlo e rifarlo’ (2)

Dov’è il danno? La verità è che alla Folk Lore Society – costituita dai più intelligenti, istruiti e begli uomini e donne del paese – piace lo studio della storia e della geografia del Mondo delle Fate. Che si trova in storie vecchissime, come dice la gente di campagna, e i selvaggi:

    ‘Piccolo Sioux e piccolo Crow,
    piccolo gelido Eschimese. (3)

Questa gente ritiene di saperne abbastanza del Mondo delle Fate e dei suoi abitanti. Ma, nel Libro Giallo delle Fiabe, eccetera, ci sono molte storie di persone che non sono né selvagge né rozze, come madame D’Aulnoy e Hans Christian Andersen, La Folk Lore Society, o il suo Presidente, dice che le LORO storie non sono così vere come il resto, e non dovrebbero essere pubblicate con il resto. Ma NOI sappiamo che tutte le storie che ci piace leggere sono abbastanza vere per noi, con i disegni di Mr.Ford, e non pensiamo neppure sia probabile che i disegni e le storie traggano in inganno i bambini.

Che ci siano o no le fate, è una domanda difficile. Il professor Huxley pensa di no. Il curatore non ne ha mai viste di persona, ma conosce diversa gente che le ha viste – nelle Highland – e ha udito la loro musica. Se mai doveste essere a Nether Lochaber, andate sulla Collina delle fate, e potrete sentire voi stessi la musica, come ha fatto gente adulta, ma dovete andarci in una bella giornata.

D’altra parte, se davvero le fate non esistono, perche la gente crede in loro, dappertutto? Gli antichi Greci ci credevano, così come gli antichi Egizi, e gli Indù e i Pellirosse, ed è possibile, se non esistono le fate, così tante genti diverse le abbiano viste e sentite? Il reverendo Baring-Gould vide varie fate quando era bambino, e stava viaggiando nella terra dei Trovatori. Per queste ragioni, il curatore pensa che esistano davvero le fate, ma che non abbiano fatto alcun male a nessuno; e che, in Inghilterra, abbiano paura del fumo e dei maestri. Riguardo i Giganti, sono scomparsi, ma i Pigmei sono comuni nelle foreste dell’Africa. Probabilmente sulle fate sono state raccontate una gran quantità di storie non esattamente vere, ma storie simili sono state raccontate anche su Napoleone, Claverhouse (4), Giulio Cesare e Giovanna D’Arco, che sono realmente esistiti. Un bambino saggio, pertanto, ricorderà che, se cresce e diventa un membro della Folk Lore Society, TUTTE le storie in questo libro non gli sono state proposte come assolutamente autentiche, ma sono state stampate soltanto per il suo divertimento. I fatti reali può impararli più tardi, o non impararli affatto.

Qui ci sono storie russe, tedesche, francesi, islandesi, pellirosse e altro. Sono state tradotte da Miss Cheape, Miss Alma, e Miss Thyra Alleyne, Miss Sellar, Mr. Craigie (ha tradotto le storie islandesi), Miss Blackley, Mrs. Dent, and Mrs. Lang, ma le storie pellirosse sono riprese da una versione inglese pubblicata dallo Smithsonian Bureau of Ethnology, in America. Mr. Ford ha fatto i disegni, e si spera che i bambini troveranno il libro non meno piacevole degli altri che sono stati sottoposti alla loro attenzione. Il curatore non può salutare senza consigliarli, quando intraprendano i loro studi, di leggere La Rosa e l’Anello, del fu Mr.Thackeray, con disegni dell’autore. Il curatore ritiene questo libro abbastanza indispensabile in ogni biblioteca infantile, e ai genitori si raccomanda caldamente di acquistarlo alla prima occasione, in quanto nessuna educazione è completa senza di esso.

A.LANG



(1) Potete comprarle dal signor Nutt, nello Strand.

(2) Il padre William a cui allude Lang è il protagonista di una poesia parodistica che Lewis Carrol introdusse nel testo di Alice nel Paese delle Meraviglie; l’originale era una poesia di Robert Southey, Le comodità di un vecchio uomo – e come le ottenne. (n.d.T)

(3) Riferimento ai primi versi della poesia di Robert Louis Stevenson Bambini stranieri. (n.d.T.)

(4) Suppongo si riferisca a sir Richard Claverhouse Jebb, 1841-1905, politico e traduttore scozzese. (n.d.T.)




(prefazione)


The Cat And The Mouse In Partnership
Il gatto e il topo in società

The Six Swans
I sei cigni

The Dragon Of The North
Il drago del nord

Story Of The Emperor's New Clothes
Storia dei Vestiti Nuovi dell'Imperatore

The Golden Crab
Il Granchio d'Oro

The Iron Stove
Il Forno di Ferro

The Dragon And His Grandmother
Il drago e sua nonna

The Donkey Cabbage
Il cavolo dell'asino

The Little Green Frog
La ranocchietta verde

The Seven-headed Serpent
Il serpente dalle sette teste

The Greatful Beast
Gli animali riconoscenti

The Giants and the Herd-boy
I giganti e il giovane pastore

The Invisible Prince
Il principe invisibile

The Crow
Il corvo

How Six Men Travelled Through The Wide World
Come sei uomini viaggiarono per il vasto mondo

The Wizard King
Il re mago

The Nixy
L'ondina

The Glass Mountain
La montagna di ghiaccio

Alphege, or the Green Monkey
Alphege o la scimmia verde

Fairer-than-a-Fairy
Bella-più-di-una-fata

The Three Brothers
I tre fratelli

The Boy and the Wolves, or the Broken Promise
Il bambino e i lupi ovvero la promessa infranta

The Glass Axe
L'ascia di vetro

The Dead Wife

In The Land Of Souls

The White Duck

The Witch And Her Servants

The Magic Ring

The Flower Queen's Daughter

The Flying Ship

The Snow-Daughter And The Fire-Son

The Story Of King Frost

The Death Of The Sun-Hero

The Witch

The Hazel-Nut Child

The Story Of Big Klaus And Little Klaus

Prince Ring

The Swineherd

How To Tell A True Princess

The Blue Mountains

The Tinder-Box

The Witch In The Stone Boat

Thumbelina

The Nightingale

Hermod And Hadvor

The Steadfast Tin-Soldier

Blockhead Hans

A Story About A Darning-Needle

home page